Gatti Biggì Elisabetta

Classe 1962, milanese, socia CFM dal 2019.

Scatto le prime foto a 16 anni con la Kodak Retina II A di papà. A 18 possiedo una Minolta SRT100, ma a 19 anni vinco la borsa di studio ASSAP per la formazione di giovani professionisti della comunicazione e per un po’ dimentico la macchina fotografica.

Seguono anni di copywriting, giornalismo, testi per il cabaret, teatro e direzione di doppiaggio. Poi l’incontro decisivo con Andrea Ghisotti, fotografo e giornalista specializzato in fotosub.

Da lì in poi la fotografia ritorna prepotentemente nella mia vita.

Autodidatta, studio sul campo con Graziano Perotti, Joe Oppedisano, Tullio Fragiacomo, Max&Douglas), Leonello Bertolucci. Ma soprattutto mi diverto un sacco.

Il risultato è che la mia fotografia è un po’ come la mia scrittura: un vedere che nasce dallo stupore, per far viaggiare veloci i pensieri e sintesi.  Non ho un genere preferito, svolazzo indifferentemente tra b/n e colore: il filo conduttore è però sempre una visione insolita, un dettaglio sfuggente, quell’ironia che è un po’ sberleffo ed un po’ amarezza.

Da un anno mi dedico alla fotografia di scena, collaborando con alcune agenzie di eventi ed una testata di spettacolo.

www.elisabettagattibiggi.com

escounattimo.blogspot.com

https://www.flickr.com/photos/bettigatti/albums

 

PRINCIPALI PORTFOLI REALIZZATI

 

NAUFRAGIUM

Per riemergere bisogna affogare. Le fasi di una rinascita

Naufragiumok

 

SHITY VIRUS

L’isolamento stimola la creatività. Progetto realizzato durante la quarantena per Corona Virus

 

PICCOLE STORIE BREVI

Ah, l’amour! Piccoli racconti per immagini

 

 

FOTO SINGOLE

 

 

2018 – Guardati le spalle

 

2019 – Mens sana in corpore sano

 

2018 – Esco un attimo

 

2018 – Entro un attimo

 

2018 – Uno, nessuno e centomila

 

2019 – Scappo

 

2018 – Migro

 

2019 – Volo

error: Content is protected !!