De Francesco Lorenzo

Socio del Circolo Fotografico Milanese EFI dal 2016 e socio del CF Famiglia Legnanese BFI dal 1994 al 2016. Socio onorario del FC S.Giorgio di Albenga.

Attivo dal 1993 in FIAF e FIAP  opero a livello nazionale e internazionale come membro di giurie, organizzatore di concorsi e proiezioni a tema e gestore di una collezione mondiale di audiovisivi.

Audiovisivi

Monografie FIAF su Ivano Bolondi – Marco Urso  – Mauro Galligani – Stefania Adami – Lisetta Carmi

Spettacolo “Il cammino della speranza –religioni nel mondo”

“La casa”- i  volontari alla Casa della Carità di Milano

Tematici con le foto  FIAP – Paesaggio – Natura – Lavoro – Donna

Reportage sul Palio di Legnano – Rievocazione storica

Ernesto Fantozzi:  i fotografi della FSA

Cesare Colombo al CFM

Pietro Donzelli raccontato da Cesare Colombo

Portfoli

Valencia città della scienza e delle arti

Medienhafen – l’architettura danza – di F.Gehry

Interni grandi cattedrali gotiche

Milano LED festival

Hamburg Hafen

Vancouver/Toronto/Calgary

Icefield parkway Canada

Yellowstone – USA Parchi Nazionali –

Normandia/ Bretagna

Confusamente – il sogno in Laguna (Venezia)

On the road  (USA)

Palio di Legnano

Casa della Carità – Milano

Tracce Umane – Ferragosto a Milano 2016

 

PRINCIPALI PORTFOLI

 

Tracce Umane – Ferragosto a Milano 2016

La città si svuota, il leitmotif di tutti gli anni. Come milanese ho sempre provato un sottile piacere nel pascolarmi ozioso nelle vie deserte di ferragosto per cogliere le tracce umane presenti, sempre soffocate dalle architetture mute e ossessive e incombenti, quasi stupite di questo improvviso e disturbante vuoto di operosità.

 

Valencia Città delle arti e della scienza.

La positività di Valencia.

Come quando si arriva  dopo una lunga passeggiata davanti ad un panorama mozzafiato, ove quello che viene inquadrato dagli occhi entra in risonanza con l’emozione: questa la mia sensazione quando sono entrato nel complesso della “città delle Arti e delle Scienze di Valencia” di Santiago Calatrava (quasi mio coetaneo), che ha avuto i natali proprio a Valencia.

Il complesso, pur nato tra mille polemiche non ancora sedate, è un segno stupefacente dell’intelletto umano,  del progresso inteso come evoluzione positiva della complessità-coscienza del fenomeno umano collocato in un luogo denso di significato, cardine tra il passato ed il futuro. Arte, scienza, meravigliosamente sublimate dall’architettura.

Valencia è una città ricca di positività, che ha trasformato un grande problema (un fiume che con le sue esondazioni la soffocava) in una grande opportunità: una spina dorsale verde attraversa la città e culmina nella città delle Arti e delle Scienze per poi aprirsi col porto sul grande Mediterraneo, quasi a simboleggiare questo mare non come confine, ma come canale di comunicazione verso il futuro sconfinato.

Un messaggio per tutti noi, di guardare sempre avanti e in alto, per essere come umanità freccia dell’evoluzione e non feccia dell’involuzione.

 

Medienhafen – l’architettura danza – di F.Gehry

Una ricerca nata dall’esigenza di non fermarsi a visitare i monumenti o le vie classiche descritte dalle guide turistiche tradizionali, ma di esplorare le nuove architetture, che spesso nascono artificiosamente da quartieri degradati, bonificati a nuovi usi a violenza del loro passato oramai perduto dal progresso. E qui la festa per gli occhi è grande.

 

Confusamente – il sogno in Laguna

Venezia deformata nelle trame di un sogno d’amore, improvvisamente avveratosi in una notte di estasi.

 

On the road

Sulle strade infinite dell’ovest americano, mostri metallici sono le uniche presenze vive e allucinanti, nelle loro forme e colori miraggi generati dal calore e dalla mente alienata dalla vastità del paesaggio.

 

 

FOTO SINGOLE

 

Delta del Po – Museo regionale della bonifica

 

Insonnia

 

Il corridoio (Bourges cattedrale)

 

Signora nel Giallo

 

Giochiamo

error: Content is protected !!