Borsari Daniela

Psicologa Psicoterapeuta, Fotografa per passione.

Mi sono avvicinata alla fotografia da autodidatta all’età di 13 anni, ma solo recentemente ho iniziato a frequentare corsi e workshop di Sara Munari.

Attraverso la fotografia cerco di capire e raccontare le storie delle persone. Mi interessano e mi appassionano in particolare i momenti di disorientamento, di smarrimento personale e sociale ed i movimenti che le persone adottano per fronteggiarli.

Sono socia del Circolo Fotografico Milanese e della FIAF dal 2017.

Ho partecipato ad esposizioni collettive e tenuto personali in centri culturali e presso il circuito OFF del Festival della Fotografia Etica di Lodi.

 

 

www.danielaborsari.it

 

 

PRINCIPALI PORTFOLI REALIZZATI

 

 

DI STANZE SIDERALI

2017

Con questo lavoro voglio raccontare i miei sentimenti di fronte alla violenta trasformazione del rapporto con mio figlio. E’ una storia di alternanza di allontanamenti e rari avvicinamenti, di distanze siderali e sfuggenti momenti di intimità e delle strategie utilizzate per sopravvivere a questa incredibile tempesta.

 

 

 

FIGAROS

2018

A l’Havana vi sono barbieri e parrucchieri in ogni via, collocati in minuscoli locali, spesso ricavati nella propria abitazione. Sfoggiare una testa scolpita o comunque molto curata sembra far parte del culto del corpo dei cubani e parrebbe andare incontro al loro bisogno di stimarsi, distinguersi ed attirare l’attenzione. Un modo forse per affermare la propria individualità in un contesto in cui molti aspetti della vita sono gestiti dallo Stato.

 

 

 

IMPRIMATUR

Sul Cammino di Santiago ho chiesto ad alcuni pellegrini di provare ad esprimere con un gesto ed una parola il senso di questa loro esperienza.

 

 

 

H2OT

2017

Mi sono recata in alcuni dei bagni più famosi di Budapest, dove l’acqua delle piscine esterne ha una temperatura dai 34° ai 38° ed ho notato che restando a lungo in queste acque, le persone sembrano vivere una profonda immersione nelle proprie sensazioni. Concentrate su di sé e su quello che sentono, appaiono come estraniate dalla realtà.

 

 

 

MIMMO “NERONE” DELIA, “SCULTORE ATROCE”

2017

Mimmo “Nerone” Delia si definisce “scultore atroce”. Vive e lavora a Matera. Mimmo “ha toccato tutti i mestieri”, ma un giorno, sei anni fa, guardandosi allo specchio, si è spaventato. C’era una guerra interna… e si è chiesto: “Che devo fare?”

 

 

 

IMA (Preghiera)

2017

La festa di Ognissanti è molto sentita a Budapest. Le persone si recano nei cimiteri per ritrovare il contatto con i propri defunti e celebrare intensamente ed affettuosamente il loro ricordo. Sono stata al Cimitero di Farkasrét, situato sulle pendici delle colline di Buda. E’ un luogo bellissimo e poetico, dove intere famiglie si raccolgono intorno alle tombe dei loro cari, prendendosene cura con grande attenzione.

 

 

 

FOTO SINGOLE

 

 

2018 – Manicure a l’Havana

 

 

2017 – Quel che resta del giorno

 

 

2013 – Giardini Pubblici Indro Montanelli, Milano

 

 

2020 – Al lavoro!

 

 

2017 – Pianocity, Milano

error: Content is protected !!